Bimbi Belli Brutta Stagione

Quali sono le regole che una mamma deve seguire per prevenire l'influenza in famiglia? Come si proteggono i più piccoli dal freddo? Scoprite i consigli di Napisan!

 

NON AMMALIAMOCI!

Basta attuare semplici mosse per prevenire l’influenza. Scopritele tutte!   Dentro e fuori casa:

  • Igienizzate i vestiti: i vostri, entrati in contatto con i germi altrui, e soprattutto quelli dei familiari già ammalati.
  • Evitate ambienti troppo asciutti o troppo umidi: è sufficiente aprire le finestre per almeno 15 minuti al giorno per contrastare il proliferare di batteri in climi di questo tipo.
  • Lavate spesso le mani: per evitare di trasmettere germi, soprattutto se frequentate luoghi gremiti di persone.
  • Evitate gli sbalzi termici superiori a 10 gradi: a questo scopo, è bene ricordare di non creare ambienti chiusi troppo caldi.
  • Evitate di frequentare locali troppo affollati: specialmente se siete debilitate. Questo consiglio è valido ancor più per i vostri bambini: assicuratevi che stiano bene prima di esporli ai germi mandandoli a scuola, e considerate piuttosto un giorno di convalescenza in più che uno in meno se l’influenza avrà la meglio sulla loro salute nonostante le vostre precauzioni.

  A tavola:

  • Consumate molta frutta e verdura: le vitamine e i sali minerali sono essenziali per il nostro sistema immunitario. Lavatela però con cura e preferitela cotta, specialmente se aspettate un bambino. Se invece state allattando, evitate i vegetali della famiglia delle crucifore (cavoli, broccoli), gli asparagi, i carciofi e tutte le verdure e le spezie dal sapore amaro e molto intenso che possono variare e rendere sgradevole il sapore del latte.
  • Non risparmiate nell'uso di aglio e cipolla: sono due alimenti con altissimo valore antisettico e antibiotico. Evitate tuttavia di consumarli crudi se siete neomamme che stanno attraversando il periodo dell’allattamento.
  • Preferite il limone all'aceto: per fare scorta di vitamina C, che aiuta a rafforzare le difese.
  • Fatevi un buon brodo caldo: è vasodilatatore e aiuta a fluidificare il muco.
  • Idratatevi con acqua a temperatura ambiente: bere molto aiuta a mantenere un giusto equilibrio nell'organismo. Sì anche a tisane e infusi, ma non durante la gravidanza.

 

IL BEBÈ È PRONTO AL FREDDO?

Bimbi Belli Stagione Inisde

I neonati sono considerati soggetti “a rischio” quando calano le temperature. Per di più, è difficile per una neomamma capire se il piccolo soffra il freddo, poiché egli non è ancora in grado di esprimere a parole il disagio. Come fare, quindi? Niente panico: anche se i piccoli di poche settimane non possiedono ancora un sistema di termoregolazione efficiente come quello di noi adulti, sono già in grado di regolare la propria temperatura corporea per adattarla al clima rigido. In più, non dovreste temere troppo le basse temperature: i bambini, di qualsiasi età, hanno bisogno di uscire anche con il freddo, inoltre, è piuttosto il clima caldo-umido o caldo-secco a dovervi preoccupare dal punto di vista della proliferazione dei germi.

  Ecco alcuni pratici consigli che ogni mamma può seguire in caso di uscite all’aperto:

  • Scegliete la formula ipoallergenica di Napisan per igienizzare il corredino.
  • Evitate le ore più fredde: gli orari in cui il clima è più mite sono la tarda mattinata o il primo pomeriggio. In casi di estremo freddo vi sconsigliamo di uscire con neonati di età inferiore ai 3 mesi.
  • Evitate di esporli a forti variazioni termiche.
  • Preferite l’uso del passeggino o della carrozzina al marsupio: nel marsupio, infatti, le gambe dei bambini sono più esposte al freddo e possono essere compresse, mentre nella carrozzina e nel passeggino i bambini sono liberi di muoversi, stimolando anche la circolazione.
  • Coprite soprattutto la testa e le estremità del neonato: ricordandovi di mantenere una buona areazione intorno al viso per evitare il rischio di soffocamento.
  • Non coprite eccessivamente il corpo del neonato: ne impedireste i movimenti e otterreste così l’effetto di infastidirlo.
  • Scegliete gli indumenti nel rispetto della sua pelle delicata: la lana, di origine naturale, è la migliore fibra tessile per proteggere dal freddo poiché rispetta la fisiologia della pelle, consentendo la traspirazione. Non essendo però morbida come il cotone, può irritare il neonato. Il più morbido pile può sostituire la lana nel caso di berrettini, guanti e sciarpe, ma la sua fibra artificiale può provocare irritazione a diretto contatto con il corpo. È pertanto buona norma far indossare sempre un capo di cotone a protezione della pelle. Il cotone è anche maggiormente adatto a essere igienizzato di frequente.