Mamme In Carriera

Diventare mamme ha cambiato le vostre prospettive, mettendo al centro della vostra vita il bambino. Il lavoro però vi chiama: anche se non è facile affrontare il faccino triste del vostro piccolo, non sentitevi in colpa nel staccarvene per riprendere la vostra attività professionale. Siate libere nel ritagliarvi spazi tutti per voi o nel mantenere relazioni con partner e amici: alcuni svaghi sono ancora possibili pur accudendo vostro figlio con tutte le cure di cui ha bisogno.

TORNO AL LAVORO: A CHI LASCIO IL MIO BAMBINO?

Siete pronte per tornare al lavoro, ma già immaginate i pianti del vostro bambino. Non rimandate: all’inizio vi sembrerà di fargli un torto, ma presto capirete che la vostra realizzazione personale è importante per trasmettere a vostro figlio serenità anziché frustrazione. Vi consigliamo, però, di scegliere per tempo le persone più indicate a sostituirvi e di farle conoscere gradualmente al vostro piccolo prima di tornare al lavoro. Un classico? L’aiuto della famiglia: rivolgersi a uno dei nonni è la forma di assistenza ideale per molte mamme in carriera come voi, ma siete sicure che lo stesso valga per i vostri genitori e suoceri? Ecco altre possibilità che potete valutare:

  • Collaboratrici interne: vivendo in casa vostra, entrano più facilmente in sintonia con il vostro bambino, ma, diventando parte della famiglia, possono limitare la vostra intimità.
  • Collaboratrici esterne: più facili da trovare e più economiche, rendono più semplice la gestione dei rapporti personali, ma possono complicare quella degli orari in base alla loro disponibilità.
  • Asili nido: che si tratti di strutture private o pubbliche, rappresentano un’alternativa interessante perché vi consentono di affidare vostro figlio a persone qualificate e di farlo interagire con altri bambini della sua età. I problemi, in questo caso, possono essere di natura economica o legati all'effettiva disponibilità di posti nelle vicinanze di casa vostra.

Imgb Mamma In Carriera

TEMPO LIBERO: DA SOLA O CON MIO FIGLIO?

La vita di una neomamma in carriera, divisa fra casa e lavoro, è doppiamente stressante, non trovate? E non solo vostro figlio potrà risentirne, ma anche il vostro compagno. Concedetevi allora qualche uscita senza il vostro bambino, lasciandolo nelle mani esperte di una persona di fiducia, e riappropriatevi della vostra vita di coppia. Ovviamente, solo se separavi dal vostro piccolo non sia per voi motivo di ansia eccessiva: chiamare di continuo la babysitter per sincerarvi che stia bene non distenderà i vostri nervi, anzi! Ecco quindi qualche consiglio per le mamme che non vogliono allontanarsi dal proprio bambino, ma neppure rinunciare a una serata speciale con il partner o con le amiche:

  • Siate previdenti: assicuratevi per tempo di mettere da parte del latte, tirandolo con un tiralatte elettrico o manuale e congelandolo. Organizzarsi per soddisfare al volo i bisogni del piccolo vi consentirà di avere più tempo per voi e le vostre compagnie.
  • Selezionate gli inviti: privilegiate gli amici che hanno davvero il piacere di ricevere sia voi sia il vostro bambino perché se lui è il centro del vostro mondo, non necessariamente lo è del loro.
  • Selezionate i locali: assicuratevi che il ristorante scelto sia dotato di spazi adeguati ai più piccoli. È fondamentale, infatti, che abbia un fasciatoio per poterlo cambiare, ma altri accorgimenti, come un angolo più tranquillo, vi possono essere riservati dal ristoratore se lo avvisate della presenza del vostro piccolo e della sua carrozzina.

A CASA DOPO IL LAVORO: COME SCACCIARE FATICA E STRESS IN 6 SEMPLICI STEP

Voi mamme in carriera non vi fermate mai: correte al mattino per non fare tardi al lavoro, girate tutto il giorno come trottole a seconda delle richieste del vostro capo, tornate a casa e il primo pensiero corre a lui, il vostro bambino. I vostri piedi, a fine giornata, sono sempre affaticati e reclamano attenzione, ma voi avete poco tempo da dedicare alla loro cura. Ecco allora una sessione completa di gym feet divisa in sei facili step, che abbiamo pensato di suggerirvi per ridare forza, flessibilità e agilità alle dita affaticate dei vostri piedi. Dedicarvici mentre vostro figlio dorme, vi libererà dalla pesantezza della giornata in pochi minuti!

  • In piedi: spostate il peso del corpo sui talloni, piegando le dita verso l’interno della pianta.
  • Con un asciugamano a terra: afferratelo con le dita dei piedi e tiratelo verso di voi per 5 volte, poi cambiate piede.
  • Sdraiate sulla schiena: mettete un cuscino sotto la gamba e, usando la caviglia come asse, ruotate il piede per 10 volte in senso orario e altre 10 in senso antiorario. Fate lo stesso con l’altro piede.
  • Distese supine: tenete il piede verticale e puntate le dita verso di voi flettendo la caviglia, e poi tendetele in avanti, per 10 volte.
  • Con 10 biglie sul pavimento: afferratele una ad una con le dita e depositatele in un vicino contenitore, prima con un piede e poi con l’altro. In alternativa: provate ad afferrare una matita con tutte le dita.
  • Piegamenti: abbassatevi e sollevatevi per 10 volte, mantenendo i piedi uniti e facendo leva sulle punte.