Come fare il bucato

Lo sapevi che un lavaggio con carico medio a 40° C può lasciare nella lavatrice fino a 100 milioni di batteri?

Un insufficiente livello di igiene nel bucato può contribuire in modo significativo alla diffusione di infezioni all'interno dell'ambiente domestico.

Una ricerca sui tassi di infezione, condotta su di un campione di ambienti domestici cittadini degli Stati Uniti, ha riscontrato, ad esempio, come circa il 38% delle infezioni sia riconducibile ad una carente igienizzazione del bucato.

I risultati delle ricerche presentati in occasione dell'ultima seduta dell'Hygiene Council hanno dimostrato inoltre la presenza, nella biancheria, di germi quali lo Stafilococco aureus, l'Escherichia coli e lo Pseudomonas aeruginosa.

 

COSA POSSIAMO FARE ALLORA PER MIGLIORARE L'IGIENE DEL NOSTRO BUCATO E RIDURRE COSÌ AL MINIMO I RISCHI DI INFEZIONE?

  • Lava il tuo bucato (abiti, biancheria da letto, da bagno, da cucina e altri tessuti) a temperature elevate (60°C).
  • Se è richiesto un lavaggio alle basse temperature, o si preferisce non lavare a temperature elevate, è opportuno aggiungere un disinfettante al normale detersivo.
  • Per ridurre il rischio che la lavatrice si trasformi in una riserva di germi, è consigliabile effettuare periodicamente un lavaggio a vuoto alla massima temperatura. Questa precauzione è fondamentale sopratutto nel caso un membro della famiglia sia infetto.
  • Metti ad asciugare la biancheria il prima possibile per evitare l'accumulo di batteri sui panni bagnati.
  • Fai in modo che i panni sporchi non vengano a contatto con le superfici dove si preparano gli alimenti e lavati le mani dopo aver toccato i panni sporchi.