E Ora Di Imparare A Fare Merenda
La scuola è iniziata da più di un mese. Archiviati l’acquisto del materiale scolastico e i capricci dei vostri bambini, ormai inseriti, l’attenzione di voi mamme può ora concentrarsi su un aspetto organizzativo da non trascurare: la gestione della merenda. Per far crescere sani i vostri bambini, infatti, è importante educarli fin da piccoli a una corretta nutrizione. In questo, la scuola può aiutarvi fornendo a pranzo cibi adatti a loro, ma per quanto riguarda la merenda dell’intervallo, l’incarico è spesso affidato a voi mamme. Come offrire ogni giorno una merenda che sia in grado di dare energia ai più piccoli, senza inquinare e in modo salutare? Anche se il vostro lavoro di genitori a tempo pieno sembra essere in contrasto con l'autoproduzione, in realtà basta davvero poco per avere un prodotto fatto in casa delizioso, sostenibile e salutare, alternativo alle merendine confezionate.
  • Preparate una torta nel fine settimana: se opportunamente riposta in un contenitore ermetico, si conserva per alcuni giorni in frigorifero.
  • Scegliete la frutta: intera, a pezzi o in versione di succo di frutta. L’apporto calorico ed energetico sarà sufficiente senza il bisogno di associare qualcosa di solido.
  • Evitate snack dolci/salati e bevande zuccherate: dannosi per la salute e difficili da digerire.
  • Date spazio a latte e latticini: ottimi bevande a base di latte privo di additivi, un vasetto di yogurt o qualche pezzetto di formaggio grana padano o parmigiano reggiano.
  • Alternate cereali e prodotti da forno a scelta: come cracker non salati in superficie, biscotti e crostate fatte in case.
  • Preferite confezioni riciclabili: il rispetto per l'ambiente è un’altra buona regola da insegnare ai vostri bambini.
  Provate a seguire questi consigli e a coinvolgere i vostri bimbi nella produzione degli snack da portare a scuola: vi renderete conto di come la "merenda sana" sia un'ottima occasione per educare i vostri figli, anche nel momento dell'intervallo, a scelte e abitudini alimentari corrette e consapevoli.
Se i vostri bambini vanno già all’asilo o a scuola, possono sperimentare il piacere di un’attività al contempo ludica ed educativa: il gioco in compagnia dei coetanei. A scuola come al parco, il gioco di gruppo serve ai bambini per confrontarsi con gli altri, socializzare e imparare a collaborare. A tale scopo, oltre alle attività motorie proposte degli insegnanti, sono indicati tutti gli sport e giochi di squadra, con o senza palla.Se le giornate lo permettono, potete concordare con le altre mamme di portare i vostri figli al parco per farli divertire con torrette, giochi a molla, altalene e quant’altro sia disponibile per stimolare ancora di più la loro fantasia.

Napisan consiglia:

Lasciate che i vostri figli socializzino con gli altri compagni di avventura limitandovi a sorvegliare in disparte senza troppe ansie: l’unione del gruppo farà sì che i bambini si sostengano e aiutino a vicenda, mentre una bella lavatrice laverà via sporco e batteri e igienizzerà i loro capi a fine giornata!