Tosse in classe: starnuti e contagio dei bambini

Se trascorriamo gran parte della giornata in compagnia dei bambini, probabilmente saremo esposti a un sacco di batteri. In genere, tosse e starnuti sono assai frequenti, e raggiungono il loro picco durante la stagione influenzale. Tuttavia, con alcune contromisure, possiamo limitare il contagio. Certo, può essere una sfida far rispettare queste regole per l'intera lezione, soprattutto contando che siamo occupati con l'insegnamento, ma tenere d'occhio i batteri a scuola è essenziale: significa preservare la salute di tutta la classe.

  1. Monitorare i bambini che tossiscono e tirano su con il naso

    Assicuriamoci che non vi siano altri sintomi, come qualche linea di febbre o difficoltà nella respirazione. Se è il caso, non facciamoci scrupoli ad affidare il bambino in infermeria, per evitare che i batteri si diffondano in tutta la classe.
  2. Stabiliamo una regola di bon ton e assicuriamoci che venga rispettata

    I bambini devono prendere l'abitudine di coprirsi naso e bocca, ogni volta che vengono colti da un colpo di tosse o da uno starnuto.
  3. Al tempo stesso, istituire una regola igienica

    I bambini che tossiscono o starnutiscono dovrebbero lavarsi immediatamente le mani. Ovviamente, questo suggerimento è valido solo se abbiamo un lavandino in classe ed è uno dei modi più efficaci nel prevenire la diffusione dei batteri a scuola. Assicuriamoci che i bambini si lavino le mani con cura, per almeno 20 secondi.
  4. Tenere d'occhio i bambini a cui gocciola il naso

    Se si asciugano sulle mani o sulle maniche, mandiamoli subito a lavarsi le mani e forniamo loro alcuni fazzoletti da tenere sul banco. Se abbiamo a disposizione un sacchetto di plastica, appendiamolo al banco o alla sedia, e facciamo in modo che i bambini vi ripongano i fazzoletti usati durante la lezione. A fine giornata, potranno gettarlo nel cestino dei rifiuti.

Altri articoli